Newsletter

Autori

Informazioni

Prodotti visti

La bomba di Majorana Visualizza ingrandito

La bomba di Majorana

ISBN 978-88-6690-032-0

Nuovo prodotto

Autore: Nino Raffa

Formato: Epub, Kindle

Note sull'autore

Acquista questo e-book

Maggiori dettagli

4,99 €

Dettagli

RECENSIONE

di Gaia Seregni

Cosa successe a Ettore Majorana nel 1938? Morì veramente o sparì portando con sé pericolosi segreti? Con una possibile risposta a queste domande, Nino Raffa dà inizio a un’intrigante spy-story, ricca di avventura e colpi di scena.

Importanti scoperte nel campo della fisica rischiano di trascinare nel baratro l’intera umanità. Per evitare questo, Ettore Majorana fa perdere le proprie tracce portando con sé il taccuino nero di Riemann: una risposta a molte domande ancora irrisolte e un pericoloso strumento in mani sbagliate. Nonostante questa precauzione scoppia la Seconda Guerra Mondiale e gli americani realizzano l’arma più temuta: la bomba atomica.

Passano gli anni e ormai tutto sembra dimenticato, fino a quando Enrico Saccheri, uno sfortunato professore, si ritrova tra le mani il famoso taccuino. Il maldestro matematico informa della scoperta le persone sbagliate e dopo qualche tempo viene trovato morto ai piedi del campanile del collegio di Noto. Toccherà a Marco Neri, giovane matematico sciupafemmine di Taormina, con il quale Saccheri si teneva in contatto, risolvere il mistero.

Da questo momento in poi, la vita del bel professore non avrà pace. Tampinato da due pericolose pupattole mandate dalla mafia russa e minacciato, insieme alla nipote di Saccheri, da un agente dei servizi segreti; si ritroverà coinvolto in inseguimenti, sparatorie e in una spericolata caccia al tesoro.

Se la mafia russa trovasse il taccuino, nonché i preziosi appunti di Majorana, le conseguenze sarebbero terribili. Per non parlare del fatto che se il vincitore dovesse essere Porfirio, l’agente segreto, nessuna garanzia proteggerebbe il nostro eroe.

Storia e immaginazione si mescolano per creare un racconto coinvolgente, scritto con uno stile fresco e vivace che non appesantisce una trama ricca di avvenimenti. Il lettore sarà portato a guardare la fisica con occhi nuovi: non più come una noiosa materia insegnata sui banchi di scuola, ma come portatrice di scoperte sensazionali quanto temibili, a seconda di chi le utilizzi.

Tema del libro è l’amore per i numeri e la matematica, di cui tre personaggi sono i degni rappresentanti: Majorana, Saccheri e Marco Neri. Tutti e tre rischiano la vita in nome della fisica e per le fantastiche opportunità a cui essa può portare. Il desiderio di fama e gloria li tenterà, ma non avrà la meglio…

INCIPIT

Lipsia, 23 luglio 1933

– Accomodati Ettore.

Quella mattina, al termine di una permanenza di diversi mesi all’Institut für Theoretische Phisik, Ettore Majorana andava a congedarsi da Werner Heisenberg. Intorno a mezzogiorno – i fisici dell’istituto non amavano alzarsi presto – lo trovò in piedi davanti alla vetrata dell’ufficio. Osservava pensieroso un manipolo di camicie brune sfilare nella sottostante Linnéstrasse.

Hitler, vinte più o meno regolarmente le elezioni in marzo, aveva già espulso i comunisti dal parlamento e promulgato le prime leggi razziali. La maggioranza dei tedeschi, più o meno convinta, era dalla sua parte.

– Grazie Werner, non voglio farti perdere tempo, sono solo passato a salutarti. Torno in Italia, il periodo della borsa di studio è finito.

– Come va la tua gastrite?

– Migliora… a furia di mangiare solo verdure, finirò col ruminare.

Heisenberg abbozzò un sorriso di circostanza.

– Rientri direttamente a Roma?

– No. Passo dalla Slovenia: starò qualche giorno con i miei che si trovano in vacanza ad Abbazia – rispose l’altro, stupito da quella domanda personale.

Il tedesco sembrò non far caso alla risposta, attraversò la stanza e dopo aver controllato il corridoio chiuse la porta con circospezione.

– Da qualche settimana penso di parlarti di una particolare questione… – disse invitando l’altro a sedere sul divano.

– Ci siamo visti quasi tutti i giorni…

– Non si tratta delle solite cose… sebbene le solite cose c’entrino… cosa ne pensi della situazione in Germania?

Majorana cominciava a sentirsi imbarazzato. Di carattere patologicamente introverso, di solito stentava a scambiare qualche parola persino con vecchi conoscenti. Caso raro, con Heisenberg in pochi mesi aveva stabilito una solida amicizia fatta, oltre che di fisica, di scacchi e lezioni di tedesco, senza escludere qualche confidenza. Quella mattina però, percependo un’insolita tensione, assunse d’istinto il suo più naturale atteggiamento difensivo.

– M’intendo poco di politica…

– Ti sarai fatto qualche idea in questi mesi.

– I disordini potrebbero finire presto. La gente cerca ordine e Hitler potrebbe essere l’uomo giusto… La stessa espulsione degli ebrei dagl’impieghi pubblici e dalle università, alla fine farà comodo ai molti tedeschi che ne prenderanno il posto… un modo discutibile, ma efficace, per ridurre la disoccupazione.

Tastava nervosamente la cicatrice sulla mano ed Heisenberg indovinò che quelle osservazioni doveva averle sentite in birreria. Decise di essere più diretto.

– Ettore, hai mai pensato alle possibili conseguenze delle nostre teorie sulla struttura dei nuclei atomici e sulle forze di scambio? Attraverso la rottura dei nuclei, potremmo avere a disposizione energie enormi, e possibilità di dominio della natura sino ad ora impensabili…

– …e possibilità di distruzione altrettanto impensabili: in un'unica bomba almeno l’equivalente di ventimila tonnellate di TNT – completò Majorana.

Pensava che quello fosse un suo incubo privato, invece scopriva che anche l’altro era giunto alle stesse conclusioni. Parlando, accese meccanicamente una delle sue Macedonia.

– Siamo comunque molto lontani da una teoria che spieghi come ciò potrebbe avvenire. Il problema della composizione dei nuclei, allo stato, non è suscettibile di soluzione: le dimensioni dei nuclei e quelle degli elettroni sembrano incompatibili. Sospetto che il nostro approccio secondo la meccanica ondulatoria vada rivisto: ho tentato qualche ipotesi alternativa, ma ci sono gravi difficoltà matematiche. Ed una volta tanto questa potrebbe essere una fortuna: una specie di sigillo che Dio ha messo sulla possibilità degli uomini di farsi del male.

– È proprio di questo che volevo parlarti: forse qualcuno ha rotto questo sigillo. E da almeno settant’anni – replicò il tedesco, con aria sempre più grave.

– E chi sarebbe?

– Riemann. Qui, molti sono convinti che tra le sua carte potrebbe nascondersi ancora più di un segreto. Saprai che Siegel ha scoperto tra i suoi appunti un modo per calcolare gli zeri della funzione zeta: una formula vecchia di decenni ma superiore a tutte quelle ricavate nel frattempo. Si sospetta che Riemann fosse andato molto avanti anche in altri campi, tra cui quello che interessa noi.

– Da lui possiamo aspettarci di tutto. Einstein si è ritrovata già confezionata su misura la geometria differenziale che gli serviva per la relatività. Quando Riemann l’aveva concepita a metà Ottocento sembrava un’insignificante trastullo teorico, ed invece descrive a meraviglia lo spazio–tempo.

– Già. E qualcun altro, animato da meno nobili intenzioni, scavando tra le sue carte potrebbe trovare la chiave per progettare una bomba d’inaudita potenza. La geometria di Riemann è stata una benedizione nelle mani di Einstein, ma le sue intuizioni potrebbero diventare il contrario nelle mani di qualcun altro.

Heisenberg guardò istintivamente oltre la vetrata: dalla strada provenivano echi minacciosi di marce militari.

– Cosa sai di preciso? – chiese l’altro.

– I nazisti si sono messi in moto: hanno setacciato la biblioteca universitaria di Göttingen e pure quelle di Francoforte e Berlino. Anche i suoi eredi, che custodivano altro materiale, rifiutandosi di pubblicarlo, sono staticonvinti a consegnarlo. Ma pure lì niente d’interessante. Sembrerebbe confermato che la governante di Riemann abbia bruciato quasi tutto nel 1866, quando scapparono da Göttingen invasa dai prussiani.

– Amaro destino quello di noi teorici: la speciale inclinazione degli uomini a pervertire qualsiasi strumento non ci lascia sicuri che le nostre idee rimangano inutili per sempre. – Majorana accese un’altra sigaretta. – Comunque in questo caso una benedetta piromane ci ha messo al sicuro: le formule inedite del buon Riemann, sono secretate per sempre negli archivi del cielo. A Dio, che probabilmente già le conosceva, non daranno problemi; noi abbiamo solo perso un’occasione di farci del male… sebbene possiamo star certi che o prima o poi sapremo rimpiazzarle.

– Ettore, è proprio questo il problema! Potrebbe esserci dell’altro finora sfuggito alle ricerche: in particolare un taccuino nero. Sospettano che l’avesse Landau a Göttingen, e che l’abbia affidato a suo genero, prima che questi scappasse in America. Landau è ebreo, le autorità gli stanno addosso… probabilmente sarà costretto a lasciare l’insegnamento…

Heisemberg ebbe un momento d’incertezza, come se davanti alla possibilità di una digressione fosse tentato di scartarla. – … avrai saputo del discorso d’insediamento di Heidegger a Friburgo: tutti quei riferimenti al mondo spirituale del popolo tedesco, alle sue forze fatte di sangue e di terra, all’onore ed al destino degli ariani… per non parlare della critica alla libertà accademica tedesca, accusata di essere soltanto capace di negare. Secondo lui, il vento nuovo che soffia potente nelle strade, non rimarrà fuori dalle nostre aule…

– Torniamo al taccuino…

– Sì, è meglio… Secondo me Landau non c’entra: questa storia è solo un pretesto per perseguitarlo. Con ogni probabilità Riemann si portò dietro il suo taccuino lasciando la Germania, e questo i nazisti lo sanno.

– Venne in Italia, se non sbaglio.

– Sì, ospite di amici in una villa sul Lago Maggiore. Malato di polmoni, sarebbe morto da lì a poco.

– A meno di quarant’anni.

– Vedo che ne sai parecchio. Saprai pure che era un perfezionista, controllava e ricontrollava i suoi lavori e spesso, anche quando era sicuro di avere ottenuto grossi risultati, evitava lo stesso di pubblicarli… esattamente come qualcuno qui presente…

Il tono di Heisenberg adesso era quello di un affettuoso, ma serio, rimprovero, riferito proprio alla proverbiale reticenza di Majorana a pubblicare.

Ettore abbassò lo sguardo, apparentemente concentrato sulla sigaretta.

– Ho letto che forse aveva dimostrato la posizione di tutti gli zeri della funzione zeta, in ordine alla distribuzione dei numeri primi, risultato che chissà quando verrà riottenuto.

– Qui ne sono convinti quasi tutti – riprese Heisemberg – e di questo passo gli si attribuiscono le più clamorose scoperte, e non è facile distinguere dove finisca il genio di Riemann e inizi un mito che gli sarebbe senz’altro dispiaciuto.

– Appunto. Questa storia mi sembra campata in aria.

– Anch’io sono scettico. Penso siano isterie di questi tempi difficili, ma proprio la particolarità di questi tempi vieta di trascurare alcuna ipotesi. Quest’istituto è posto tra un cimitero e un manicomio: mi sembra una perfetta metafora del nostro futuro. Il patto a quattro non durerà. Hitler si riarma e tutte le altre potenze saranno costrette a seguirlo…

– D’accordo Werner, non c’è bisogno d’altro: pensi che il taccuino di Riemann possa essere rimasto in Italia, e vuoi che dia un’occhiata discreta. Rientrando a Roma, potrei trascorrere qualche giorno di vacanza sul Lago Maggiore. Nessuno ci farebbe caso.

– Mi spiace darti quest’impiccio, ma non posso andare di persona: desterei troppi sospetti. Egualmente i pochi collaboratori di cui ancora mi fido. Le simpatie per Hitler crescono ovunque, anche nel nostro ambiente: sospetto di essere controllato. La casa di Einstein è stata perquisita dai nazisti, lui è fuggito in Belgio, forse è già al sicuro in Inghilterra. Altri sono scappati negli Stati Uniti…

– A proposito, perché Riemann fuggì da Göttingen nel ‘66? – chiese Majorana.

– I Prussiani invasero l’Hannover, deposero il legittimo sovrano ed in un mese assoggettarono tutta la Germania. A quel tempo, ci si chiedeva se la Prussia di Guglielmo II fosse una prigione oppure una caserma.

– Ripetizioni della storia…

– Già. Subito dopo venne la nostra vittoria nella guerra franco–prussiana, che potremmo definire il seguito delle guerre Napoleoniche e l’antefatto della Grande Guerra. E forse la catena delle vittorie e delle rivincite non è finita.

– Possiamo farci poco. C’è solo da sperare che l’arma tanto distruttiva che immaginiamo sia impossibile da realizzare, o almeno collocata oltre l’orizzonte della nostra vita, in lontananza nella storia dei futuri massacri.

– Prevedo una crescente pressione dei nazisti su noi scienziati. Per la nostra personale ambizione vorremo fare e per la nostra personale salvezza dovremo fare, ma per la salvezza di tutti sarà bene al tempo stesso disfare.

– Non ti vedo nei panni di Penelope – disse Majorana.

– Sarà inevitabile affinché Hitler non abbia a disposizione un’arma terrificante.

– Saresti più tranquillo se l’avessero gl’inglesi, i francesi o meglio ancora gli americani?

– Dimentichi i russi di Stalin. No, non faccio differenze. Ovunque i politici incarnano gl’istinti primitivi della folla, divertendosi a riempire di macerie la storia.

– Gli scienziati invece sarebbero i custodi della ragione. Cosa pensi allora di gente come Lenard o Stark? Se qualcuno parla di fisica ariana, forse anche noi scienziati non siamo migliori dei nostri popoli – incalzò Majorana.

– Se anche tra noi ci sono degli idioti, questo non fa venir meno la nostra responsabilità di esercitare il potere della ragione contro la barbarie. Abbiamo in ogni caso il dovere di sopravvivere, portando la civiltà oltre gl’inevitabili massacri. La tua missione sul Lago Maggiore ha questo scopo.

– D’accordo – disse l’altro poco convinto. – Se non salverò il mondo, mi sarò fatto almeno una gita in vaporetto.

– Qualunque cosa dovessi trovare: bozze di articoli, dimostrazioni, semplici formule… informami. E soprattutto non ne parlare con nessuno.

– Distruggerò tutto.

– Aspetta. Non essere impulsivo. Ricorda: fare e disfare. E per disfare si dovrà anche fare. Comunicami le tue scoperte e decideremo insieme …

Recensioni degli utenti (solo registrati)

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

La bomba di Majorana

La bomba di Majorana

Autore: Nino Raffa

Formato: Epub, Kindle

Note sull'autore

Acquista questo e-book