Newsletter

Autori

Informazioni

Prodotti visti

Mala carusanza Visualizza ingrandito

Mala carusanza

ISBN 978-88-6690-252-2

Nuovo prodotto

Autore: Maria Scarlata

Formato: libro cartaceo - 170 pagine

Note sull'autore

Maggiori dettagli

13,00 €

Dettagli

RECENSIONE

L’adolescenza di Tina, una povera ma spensierata ragazza siciliana, diventa bruscamente una mala carusanza a quattordici anni, quando viene rapita e violentata da Salvatore, e successivamente costretta a un matrimonio riparatore. Siamo nella Sicilia degli inizi del Novecento, e non c’è altra scelta, per una ragazza che “ha perduto l’onore”. Educata alla sottomissione all’uomo, ma dotata di un carattere forte, è in realtà lei ad avere le redini della famiglia e a lavorare duramente per sostentare i suoi figli. Dolorosamente colpita dalla morte per difterite di un figlio piccolo, la giovane veste il lutto, come impone la tradizione, per manifestare la sua sofferenza agli altri, ma soprattutto a se stessa, ed è incapace di cogliere il senso della rassegnazione. Attraverso la storia delle varie fasi della vita di Tina, Mala carusanza mette in scena ben cinque generazioni, offrendo un interessante spaccato della Sicilia rurale dal Ventennio fascista, al secondo dopoguerra, fino alle soglie del Duemila e dei profondi cambiamenti culturali che coinvolgono i nipoti di Tina che risiedono al Nord, i cambiamenti di mentalità e le difficoltà di comprensione tra persone di età diverse, ma anche il perdurare di valori e di tradizioni della terra d’origine.

INCIPIT

“Tre mesi avi.”

“Ha solo tre mesi” ripeteva tra sé Santa, mentre con la delicatezza e decisione di una mamma infilava nel braccino della piccola un camicino nero tessuto a mano.

Piangeva, la vestiva e piangeva. Forte, quasi urlando, sfogando quella rabbia che da più di un mese la perseguitava, giorno e notte, senza sosta.

Neanche da mangiare faceva, né per lei né per Antonio, appoggiato sul cassettone di legno; immobile, come se capisse. Non capiva forse, ma avvertiva qualcosa di anormale, pesante.

Il papà non c’era. Non era più tornato? Ma era uscito?

Lui non lo sapeva, non capiva. Non scherzava più con lui, non vagava per la stanza nei momenti d’ozio. Adesso lo vedeva dormire con le mani incrociate sul petto, sulle lenzuola più belle, quelle col ricamo; che mamma tirava fuori solo alla festa, e quando arrivava il dottore, con i suoi strani giochi, che gli diceva di tossire e respirare.

E lui lo faceva, faceva tutto quello che ordinava matruzza, tanto che gli dicevano che era un caruso buono, tanto buono perché non piangeva nemmeno.

Ma il dottore non era venuto per lui. Meno male; non gli piaceva il freddo sulla schiena, non gli piaceva niente di quei giorni; il letto, la febbre alta, il chinino.

Antonio dondolava la culletta della sorellina, spingendo con forza sulla punta del piede, perché era piccolo, lui. Guardava la tavola in legno, quella che era sempre stata lì. Alta, forte. Ci si appendeva con le mani e si dondolava, piegando le gambe per non toccare terra.

Anche la culla era di legno, il piccolo pagliericcio di foglie secche, la copertina di lana ruvida. Anche Tina sembrava finta. Così immobile assomigliava a papà quando dormiva, e non si era più svegliato.

“Matri, quando torna papà? Aju fami.”

Santa lo guardò e pianse, ma piano stavolta, per non farsi sentire. Prese Tina dalla culla; la piccola sbadigliava, stava per urlare, ma non fece in tempo. La attaccò al seno, abbondante e gonfio di latte, faceva male persino, ma quasi non lo sentiva.

Aveva male al cuore invece, non al petto; quello sì era dolore, forte e straziante. Ma era anche paura, paura del domani, della sorte, di quel destino schifoso che l’aveva abbandonata lì; sola come un cane e con due figli da allevare.

“Mamma ora te ne dà.”

Teneva al seno destro la bambina, sorreggendola col braccio, mentre si avvicinava alla credenza.

L’unica. Piccola. Tanto, per quello che doveva contenere, bastava. Si alzò in punta di piedi e ne trasse un tozzo di pane, ne strappò un pezzo poco più grosso di un pugno. Sempre con una sola mano lo spaccò in due lasciandolo unito da una parte. Prese dal cestino un pomodoro maturo: quelli per grazia di Dio non mancavano. Lo pulì sul grembiule e lo schiacciò nel pane. I semi uscivano liberi, si annidavano nei buchi. La mollica, ormai indurita, assorbiva lentamente il succo, che colorava tutto di rosa; poi il rosso del pomodoro ben maturo.

Santa si sentì stringere il cuore. Il rosso, che brutto colore. Il colore del sangue! Quello che fece morire Vito, che usciva senza sosta, rosso rosso, quasi marrone. Non sembrava grave, tre panni bianchi riempì inzuppandoli; poi si calmò.

Vito era andato a dormire, si era disteso sul letto. Era giovane, ma la stanchezza si avverte ugualmente, specialmente quando si fatica tutto il giorno, per ore e ore, col sudore che cola sulla fronte, col cappello di giornale a forma di barca, per parare spruzzi e macchie. Per attutire il sole, che cuoce, cuoce proprio. E scotta, scottano le pietre, il ferro, tutto ciò che si tocca e si solleva, e sembra di alzare quintali, tanto che si torna alla sera a casa, senza la forza di stare in piedi e di mangiare quel poco che c’è.

Non si era svegliato al mattino, alla fatica non ci era più andato.

Pianse ancora, stavolta a singhiozzi, mentre con l’ampollina dell’olio ungeva appena il pane. Stava per finire. Bisognava comprarne dell’altro, pensò.

Prese ancora dell’origano direttamente dal mazzetto, lo sgretolò sul pranzo di Antonio. Lo chiuse.

“Tie’, mangia bello!” disse schiarendosi la voce.

Era poco come pranzo, scarso ma gustoso, ma per lei non ce n’era, e neanche se la sarebbe sentita di mettere qualcosa sotto i denti.

Tina succhiava con voglia, mentre un rivoletto di latte le colava su una guancia; smise poco dopo, sazia, quasi addormentata. Piangeva raramente per fortuna, almeno lei.

Le asciugò la bocca col fazzoletto, la ripose nella culla. Era bella, rosea e paffuta. Meno male che per almeno un anno o due da mangiare ne avrebbe avuto, sempre se per grazia di Dio la salute avesse assistito anche lei.

Si tolse il grembiule e si mise a sedere su di una sedia impagliata, posta in un angolo dell’unica stanza. Unica ma grande. Si guardò le mani appoggiate sulle ginocchia. Erano ruvide e stanche, segnate e indurite. Se avesse potuto staccarle dal suo corpo e mostrarle a qualcuno, le avrebbero giudicate da vecchia, e veramente lo sembravano, così brutte e tagliate. Anche il viso portava i segni della sua dura vita, fatta di parti e di fatica. La vita di tante donne, donne come lei; per la casa, i campi, i figli e il marito, che non aveva più, su cui non poteva più contare.

Si sentì stringere il cuore e pianse ancora, immobile sulla sedia, scuotendo il capo, come fanno i bambini che non si rassegnano, che non vogliono darla vinta. Ma questa volta si sentiva veramente vinta, confusa, senza alcun entusiasmo.

Solo i figli le davano modo di sopravvivere, se non altro perché doveva pensare a loro, forse più che altro in maniera istintiva.

Ma perché si viene al mondo? Perché? Per soffrire e lavorare?

Non c’era un perché, una spiegazione, o almeno non riusciva a trovarla, a pensarci.

Antonio giocava con i mazzetti di origano nella cesta, li sgretolava e li spargeva per terra. Sprecava il lavoro di tante ore. Santa non ebbe nemmeno la forza di sgridarlo, anche se ne avrebbe avuto motivo. Lo chiamò a sé con un cenno, e ritornò con lentezza nella sua solita posizione. Lo sentì accovacciarsi ai suoi piedi, appoggiare la testa sulle sue ginocchia.

Santa mosse la mano, anche se tutto le costava fatica, e gli accarezzò i capelli. Neri e lucidi come quelli di suo padre. Accarezzava e guardava. La tavola, le sedie, ormai da anni pasto di tarli e parassiti. La credenza, quella invece, quasi nuova. La sua dote, che con orgoglio mostrava ai conoscenti. Segno di un certo benessere che non tutti potevano vantare. La vecchia cassapanca, dove teneva la poca biancheria, la più bella. Dote anche quella. Ricamata a mano, da lei personalmente, con pazienza a lume di candela, finito di rassettare la casa, quando ancora viveva con mamma sua.

Poco più in là, il letto unico ma grande. Ci stavano in tre. Lei, Vito e il bambino, ma adesso solo più in due.

Come era vuoto, freddo, senza di lui, pensava.

“Perché dormivo e non pensavo? Non pensavo che era bello averlo vicino. Sentirlo mio. Mio marito. il padre dei miei figli.”

Era bello ascoltarlo respirare piano e regolarmente, quando dormiva stanco morto, per la fatica del giorno. Il giorno tanto lungo, fatto di ore e ore di lavoro. E tanto breve, perché subito ne veniva un altro e poi un altro ancora.

Le si appannarono gli occhi. Non ci vedeva più bene, ora.

Tolse la mano dalla testa del bimbo e se li stropicciò con un gesto un po’ infantile, che non aveva in fondo avuto tanto tempo di dimenticare.

Era tanto giovane infatti, ma nessuno lo avrebbe detto. La vita dura invecchia, e lei sembrava già vecchia.

Attaccati alle pareti pendevano i mazzi di aglio, cipolle, pomodori e peperoncini, che dovevano durare molto, forse più di un inverno, così secchi com’erano. Tutto ricordava lui. Tutto. E per questo non lo avrebbe più dimenticato, mai più. E lo promise a se stessa.

Guardò in basso il pavimento di terra battuta, i piedini del suo bimbo. Nudi, neri e nudi come i suoi, come tutti lì attorno, perché le scarpe, un paio solo a testa, erano stipate nella rientranza a muro e tenute come cimeli. Tanto che si indossavano solo alla festa, con le gonne lunghe e i colletti di pizzo inamidati.

Anche le masserizie erano appese, due grandi pentole e i coperchi, perché erano in tanti, a volte, quando si faceva festa tutti assieme.

A destra, il camino col fuoco spento, visto che qualche cosa di caldo non lo cucinava da tempo, e non lo avrebbe neppure mangiato se non fosse stato per la sorella e i vicini, che se ne privavano per portarne a lei che ne aveva bisogno. Non avrebbe nemmeno voluto accettarlo, ma solo così poteva allattare, altrimenti sarebbero state male in due.

Accese il lume a petrolio. Una ragnatela, costruita meticolosamente e in poco tempo da un ragnetto, luccicava nettamente sotto il riflesso luminoso, attaccata all’ottone del lume e all’altra estremità al muro tinto di bianco, ma ormai nero dalle ditate.

Santa la strappò, sollevando il lume dalla credenza. A uno a uno i fili si spezzavano, quasi fulmineamente, volando leggeri come al rallentatore; seguendo la scia dell’aria provocata dallo spostamento; sempre aggrappati, come se volessero vivere ancora, ricostruirsi nuovamente. Il ragnetto correva svelto sulla credenza, ma Santa, più veloce ancora, lo schiacciò.

Solo dopo se ne rese conto. Aveva interrotto una vita, ma non gliene importava, anzi ne gioiva, quasi per vendetta.

Anche la sorte si era comportata così con lei, senza pietà. Perché avrebbe dovuto averne lei?

Recensioni degli utenti (solo registrati)

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Scrivi una recensione

Mala carusanza

Mala carusanza

Autore: Maria Scarlata

Formato: libro cartaceo - 170 pagine

Note sull'autore